04.jpg
Home CARTA DI FONTE AVELLANA: COLDIRETTI MARCHE, 5.000 IMPRESE AGRICOLE E FORESTALI PER RILANCIARE L’APPENNINO

 

VideoTolentino è in onda con i seguenti canali:

 

VideoTolentino    LCN 14 (CANALE 14)

VideoTolentino3  LCN213 (213 NEWS & LIVE)

VideoTolentino4  LCN610 (610 SPORT & MUSICA)

VideoTolentino5  LCN611 (RadioStudio7 TV)

 

Clicca sul menu VIDEO per vedere gli ultimi video caricati,

oppure vai su: http://www.youtube.com/user/VideoTolentino

 

Se non riesci a visualizzare la diretta streaming, installa ed esegui VLC sul tuo dispositivo mobile e su apri flusso di rete mrl, digita:

http://flash2.bsnewline.com:1935/videotolentino/videotolentino/playlist.m3u8

Oppure clicca direttamente sul link qui sopra ed esegui con VLC.

 

Tel. 0733 974554 - Fax. 0733 972558 - Mail: info@videotolentino.it

 

postheadericon CARTA DI FONTE AVELLANA: COLDIRETTI MARCHE, 5.000 IMPRESE AGRICOLE E FORESTALI PER RILANCIARE L’APPENNINO



Nelle aree montane delle Marche ci sono 5mila aziende agricole e forestali che devono essere la base di qualsiasi operazione di rilancio delle zone interne. Ad affermarlo è la Coldiretti Marche in occasione dell’incontro tra i firmatari della Carta di Fonte Avellana a un anno dal ventennale, cui hanno partecipato il presidente Tommaso Di Sante e il direttore Enzo Bottos. Ogni iniziativa, nota Coldiretti, non potrà prescindere dalla presenza delle attività agricole, che assicurano con la loro presenza la vita stessa di questi territori. Da qui l’idea della creazione di filiere corte per la carne e il latte, valorizzando le stalle ancora presenti e la produzione di cereali per l'alimentazione degli animali stessi. Ma per permettere alle stalle di continuare a garantire la propria presenza sul territorio occorrerà risolvere il problema degli animali selvatici, che minacciano oggi il futuro delle aziende agricole nelle aree interne. Un'altra "carta da giocare" è la costituzione di consorzi forestali per la produzione di legna e di carbone, oltre che per iniziative turistiche. In questo modo si potrà creare occupazione in loco e frenare lo spopolamento di quelle aree, nella consapevolezza che una migliore cura dei boschi è oggi indispensabile anche per contenere il problema del dissesto idrogeologico. Ma, conclude Coldiretti, occorre anche dare risposte efficaci alle tante aziende dell’Appennino che in questi mesi continuano a vivere le difficoltà legate al terremoto.

 
InTV
Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito