No images
Home CACCIA. BISONNI: "LA REGIONE DELLE CONTRADDIZIONI DOVE I CACCIATORI DETTANO LEGGE"

 

VideoTolentino è in onda con i seguenti canali:

 

VideoTolentino    LCN 14 (CANALE 14)

VideoTolentino3  LCN213 (213 NEWS & LIVE)

VideoTolentino4  LCN610 (610 SPORT & MUSICA)

VideoTolentino5  LCN611 (RadioStudio7 TV)

 

Clicca sul menu VIDEO per vedere gli ultimi video caricati,

oppure vai su: http://www.youtube.com/user/VideoTolentino

 

Se non riesci a visualizzare la diretta streaming, installa ed esegui VLC sul tuo dispositivo mobile e su apri flusso di rete mrl, digita:

http://flash2.bsnewline.com:1935/videotolentino/videotolentino/playlist.m3u8

Oppure clicca direttamente sul link qui sopra ed esegui con VLC.

 

Tel. 0733 974554 - Fax. 0733 972558 - Mail: info@videotolentino.it

 

postheadericon CACCIA. BISONNI: "LA REGIONE DELLE CONTRADDIZIONI DOVE I CACCIATORI DETTANO LEGGE"



“Le Marche hanno chiesto lo stato di calamità naturale per la siccità. Questo porterebbe a pensare che chi governa le Marche sia consapevole di cosa comporta, come conseguenze sul territorio e sugli animali che lo vivono, questa emergenza. Ma non è così per quanto riguarda la caccia che è considerata come qualcosa di fondamentale e immodificabile.” Ad intervenire è il consigliere regionale Sandro Bisonni che su questo argomento ha presentato una mozione in Consiglio regionale proprio allo scopo di vietare la caccia da appostamento sino a quando persiste il deficit idrico, di posticipare all'inizio di ottobre l'apertura della stagione venatoria, di ridurre il periodo di caccia o limitare il carniere, di posticipare l'apertura della caccia per le specie oggetto di ripopolamento, di monitorare la fauna selvatica stanziale o nidificante, di vietare la caccia nelle aree forestali che hanno subito incendi.

Mozione che è stata respinta dall'Assemblea legislativa nonostante l'ISPRA, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, abbia invitato, visti i recenti eventi climatici avversi per la fauna, ad adottare identici provvedimenti cautelativi per evitare che gli animali particolarmente vulnerabili dopo le avversità atmosferiche possano subire danni.

“Ma la Regione non ne tiene assolutamente conto – prosegue Bisonni – e per l'avvio della caccia tutto deve restare immutato come se l'estate appena passata non sia stata una delle più aride degli ultimi decenni, che gli incendi che hanno danneggiato il nostro territorio non siano avvenuti. Importante è solo inseguire un pugno di voti (quello dei cacciatori) senza pensare al bene comune che è il nostro ambiente e che un insieme di piante e animali dove entrambi contribuiscono alla sua bellezza e al suo equilibrio.”

 
InTV
Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito