No images
Home Caldarola. Proseguono i lavori per far ritornare la città alla normalità quotidiana

 

VideoTolentino è in onda con i seguenti canali:

 

VideoTolentino    LCN 14 (CANALE 14)

VideoTolentino3  LCN213 (213 NEWS & LIVE)

VideoTolentino4  LCN610 (610 SPORT & MUSICA)

VideoTolentino5  LCN611 (RadioStudio7 TV)

 

Clicca sul menu VIDEO per vedere gli ultimi video caricati,

oppure vai su: http://www.youtube.com/user/VideoTolentino

 

Lo streaming al seguente link:

Canale 14 Live Stream: apri in VLC

 

Tel. 0733 974554 - Fax. 0733 972558 - Mail: info@videotolentino.it

 

postheadericon Caldarola. Proseguono i lavori per far ritornare la città alla normalità quotidiana



Sono continui, costanti e spesso frenetici i contatti e progetti che l’Amministrazione comunale di Caldarola sta portando avanti con le istituzioni preposte per restituire alla comunità una parvenza di tranquilla normalità.



E giustamente la cittadinanza periodicamente deve essere informata sull’andamento della situazione aggiornata.



I dialoghi continui con il Commissario straordinario per la ricostruzione De Micheli, la Regione Marche e gli uffici preposti, l’Ufficio Sisma e l’Ing. Spuri, l’Anas, il mondo scolastico e in modo particolare la Regione Emilia-Romagna stanno permettendo di restituire al paese i luoghi di aggregazione fondamentali per la prosecuzione della vita, malgrado le mille problematiche che ogni giorno rallentano la quotidianità.



Senza considerare che, nonostante siano state chieste leggi straordinarie proprio per favorire la vita nei paesi terremotati, si stia andando avanti con norme e leggi ordinarie.



Iniziamo quindi con le case popolari di Via Durante di proprietà dell’Erap.



La palazzina, sita in centro storico, sta prendendo forma, il progetto di ristrutturazione è in via di approvazione e in breve partirà il cantiere.



Altro cantiere che sta andando avanti è quello della scuola primaria di via Umberto I, anche se la burocrazia rallenta l’operatività, i lavori in questi giorni si sono concentrati sul punto di congiunzione tra le due scuole, la primaria appunto e la secondaria di primo grado già esistente. Inoltre si sta definendo l’urbanizzazione esterna. Per quanto sembri facile e di immediata realizzazione come dicevamo la burocrazia, le procedure e i tempi delle Ditte incaricate sono sempre troppo lunghi, tanto da non illudere l’Amministrazione in un possibile taglio del nastro nel prossimo settembre.



Buone notizie arrivano invece dal Consiglio regionale dell’Emilia-Romagna che ieri, lunedì 14 maggio, ha ufficialmente deliberato lo stanziamento di 465.000 € per la costruzione del nuovo Municipio di Caldarola, presso la zona definita “lottizzazione Tardella”.



Una volta stabilita la procedura di occupazione e poi quella dell’urbanizzazione dell’area si procederà con l’inizio dei lavori.



E’ sottinteso, ma non scontato, il più sentito ringraziamento al Presidente della regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, all’Assessore alla Protezione civile Paola Gazzolo e al Direttore dell’Agenzia regionale di Protezione civile dell’Emilia Romagna Maurizio Mainetti. L’affetto della comunità di Caldarola per la solidarietà e sensibilità dimostrata all’indomani delle prime forti scosse dell’ottobre 2016 e per attaccamento al paese non è mai venuto meno.



Tornando ai lavori è ormai terminata la gara per la progettazione dell’ex ospedale dove nell’appartamento retrostante, di proprietà del Comune di Caldarola ma gestito dall’Erap, in accordo con l’Area Vasta 3 nella persona del Direttore Alessandro Maccioni, saranno in breve sistemati i locali che ospiteranno la Guardia Medica e il centro prelievi, proprio per restituire alla comunità un servizio essenziale.



Giovedì scorso invece, come noto, successivamente alla consegna delle ultime SAE si è svolta la Cabina di Regia tra i Presidenti delle quattro Regioni coinvolte dal sisma, il Commissario straordinario per la Ricostruzione Paola De Micheli e altri soggetti incaricati. Iin quell’occasione il Sindaco di Caldarola Luca Maria Giuseppetti ha potuto, nel corso di un colloquio privato, confrontarsi proprio con la De Micheli, con l’Ing. Cesare Spuri e il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, dove è stato affrontato l’argomento perimetrazione.



Nel corso del confronto si è giunti alla conclusione che sarà necessario presentare una nuova richiesta, più dettagliata, di perimetrazione del centro storico di Caldarola e delle frazioni di Valcimarra e Croce.



Alcuni cittadini invece hanno in questi giorni fatto richieste per migliorare viabilità e parcheggi nella zona delle Sae. I Tecnici comunali sono attualmente lavoro per cercare delle possibili soluzioni che assecondino queste richieste prendendo comunque come riferimento le normative sulla sicurezza.



Come sottolineato in apertura di comunicato stampa la situazione è complicata, anche perché è giusto ribadire che si sta lavorando in una situazione straordinaria con leggi ordinarie, quindi bisogna avere molta pazienza e fiducia in attesa anche che si formi il nuovo Governo.



Pazienza che purtroppo sta venendo meno per quanto riguarda la “Bretella” esterna a centro storico.



Proprio in queste ultime ore l’ingegnere dell’Anas Fulvio Soccodato ha assicurato al primo cittadino Giuseppetti che si sta lavorando per far partire in breve la tanto sospirata via di comunicazione alternativa alle strade che attraversano la zona rossa di Caldarola.



Purtroppo resta ancora in piedi il primo progetto che vedeva solo una piccola parte di questa bretella e non quella che avrebbe sicuramente risolto tutti i problemi della viabilità in una logica proiettata al futuro e legata alla ricostruzione.

In conclusione un ringraziamento va agli organizzatori del Giro d’Italia di ciclismo che proprio quest’oggi hanno portato gli atleti e le telecamere nazionali ed estere nelle zone terremotate e quindi anche nel comune di Caldarola.



Un’occasione sportiva che permette di accendere i riflettori su queste zone terremotate sempre più tristemente tornate nell’oblio.

 
InTV
Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito