postheadericon POST SISMA: "C'E' IL TOTALE FALLIMENTO DI PEZZANESI" PER IL CONSIGLIERE REGIONALE SANDRO BISONNI





Leggiamo il comunicato stampa giunto in redazione del consigliere regionale Sandro Bisonni in risposta al sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi.





"Voglio ringraziare Pezzanesi che mi dà lo spunto e l'opportunità di ricordare le decine di atti istituzionali da me prodotti in tema sisma (concernenti ad esempio i provvedimenti per l'emergenza abitativa, la sicurezza sismica per scuole e ospedali, le agevolazioni fiscali per le imprese del cratere, ecc...) e far sapere alla popolazione il mio impegno per il territorio e in particolare per la città di Tolentino. Prima però vorrei ricordargli che essendo lui il Sindaco di Tolentino spetta a lui adoperarsi per risolvere i problemi dei Tolentinati, sue sono le responsabilità dei disagi che i cittadini a distanza di due anni ancora vivono, sue sono le colpe per le cose non ancora fatte. A chi come me, in Regione, sta all'opposizione oltre alle funzioni legislative spetta il compito di denunciare le inefficienze, segnalare i disagi, dare voce a quelle persone che non sono ascoltate da chi governa per contribuire a far si che si risolvano problemi importanti per le Comunità. Detto questo vorrei ricordare al Sindaco, ad esempio, la mia mozione depositata e discussa a maggio del 2017 con la quale si chiedeva, e si è ottenuta, la deroga al mantenimento, a causa degli eventi sismici, dei punti di primo intervento di Tolentino e Recanati che rischiavano di essere declassati a PAT e che invece grazie anche al sottoscritto sono stati entrambi mantenuti; in quell'occasione infatti il presidente Ceriscioli prese un impegno formale in tal senso, impegno poi effettivamente mantenuto. E prima ancora quando nell'imminenza del sisma, vista la popolazione costretta a dormire nel palazzetto dello sport sopra a sdraio da mare, mi sono impegnato e ho trovato ben 600 lettini con comodi materassi che la protezione civile era pronta a consegnare a Tolentino, ma il Sindaco (conservo tutta la chat di WhatsApp) rifiutò l'offerta e preferì continuare a far dormire la popolazione sulle sdraio; chissà, forse perché tutto sommato era bello per lui andare su tutti i notiziari nazionali? Molte volte ho offerto il mio contributo, ma il Sindaco evidentemente crede di saper fare tutto da solo e i risultati si vedono; Tolentino è la città in assoluto più indietro con la ricostruzione post sisma, il confronto con qualsiasi altro Comune del cratere è impietoso eppure le norme sono le stesse per tutti. Di questi ritardi il principale colpevole è Giuseppe Pezzanesi che con la sua autoreferenzialità non riesce a fare quello che gli altri hanno già fatto da tempo. La vicenda dei container, sulla quale ho prodotto una interrogazione e che mi auguro si rivolva e non si tramuti invece in tragedia, è solo la punta dell'iceberg di una gestione disastrosa dovuta all'inconcludenza, incapacità e mancanza di visione dell'azione politica di un Sindaco che, invece di regalare inutili abbracci, farebbe bene a non piangere aiuto o tentare di scaricare le colpe dei suoi fallimenti sugli altri. Farebbe bene a crescere come politico e amministratore, aprendosi al confronto con le minoranze, accogliendo i suggerimenti, permettendo agli altri di aiutarlo e assumendosi le sue responsabilità. Se non ci riuscirà, magari perché troppo preso dal suo ego, non gli rimarrà altro, se solo amasse la sua città, che scusarsi e farsi da parte al più presto perché mentre lui cerca capri espiatori per le sue colpe e le sue responsabilità molti cittadini passeranno, contro la loro volontà, ancora un altro inverno dentro ad umidi container e questo sinceramente non è giusto".

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito