postheadericon PADRE PIERINO VALENTI E LE «MULTICULTURE»

Dalle lontane e sperdute località colombiane abitate dagli indios Kogis dove ha sperimentato il metodo piagettiano sui giovani dai 6 ai 15 anni con la speranza «che l’ombra della sera nasconda l’alba di un nuovo risveglio». Padre Pierino Valenti, 76enne frate cappuccino settempedano con venti anni di esperienza nel difficile mondo della lotta alla tossicodipendenza all’Istituto Croce Bianca retto da padre Igino Ciabattoni, ha prodotto la sua ultima fatica, «Multiculture». Come si legge nella prefazione della poetessa e scrittrice Sara Francucci di colle San Valentino di Cingoli, che da tempo collabora con padre Valenti alla collana «Il romanzo scientifico», «anche in questa società senz’anima dove la vita umana è diventata oggetto senza valore e dove l’Essere è mortificato a favore dell’avere e del sembrare, vi è una speranza».
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito