postheadericon Illegittimi i rimborsi per spese effettuate dai consiglieri regionali





Sono legittimi i rimborsi per spese effettuate dai consiglieri regionali "effettuate nell'esplicazione di attività politica in senso lato", spese alle quali invece non possono essere destinate "le indennità mensili di carica e di funzione, che hanno diversa e distinta finalità". E' una delle motivazioni con cui i giudici della Corte di Appello di Ancona motivano l'assoluzione bis, lo scorso febbraio, di un gruppo di ex consiglieri regionali delle Marche e di un addetto alla contabilità dei gruppi consiliari: l'ex presidente della Regione Gian Mario Spacca, l'ex segretario regionale del Pd Francesco Comi, l'ex vice presidente del Consiglio regionale Giacomo Bugaro (Pdl, poi Ncd e Fi) e Massimo Binci (Sel) e Oscar Roberto Ricci, ex addetto gruppo Pd. I giudici della Corte d'Appello non hanno però ravvisato alcuna irregolarità, evidenziando la "doppia valenza" delle attività dei consiglieri: quella legislativa e quella politica, volta a "promuovere, mantenere e rafforzare il rapporto con gli elettori".
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito