postheadericon IL COMITATO RESPINGE LE ACCUSE DEL COMUNE DI TOLENTINO. ASSEMBLEA PUBBLICA PER IL FORNO CREMATORIO



Dispiace in un momento di gioia derivante dal definitivo esito positivo dell’istruttoria (l’inceneritore non sarà realizzato), dover replicare alle esternazioni del Comune di Tolentino ed in particolare agli attacchi contro Comitato “No inceneritore”. Questo quello che si legge in una nota giunta in redazione.



Preme precisare che il Comitato non è stato fondato dal Consigliere Regionale Bisonni, bensì è stato costituito da liberi cittadini volontariamente unitesi per evitare che si realizzasse l’inceneritore a Tolentino.



Sono inoltre gravi e completamente false le illazioni del Comune di Tolentino circa la mancata presenza del Comitato alla Conferenza dei servizi convocata dalla Provincia di Macerata sulla questione Inceneritore. Il Comitato ha richiesto di partecipare e, successivamente all’accoglimento della richiesta, ha ovviamente inviato un proprio delegato.



In varie occasioni il Comitato ha espresso soddisfazione sul fatto che cittadini e politica locale (Comune, Provincia, Regione) siano andati nella stessa direzione per evitare che si realizzasse l’inceneritore a Tolentino.



Proprio per questo duole constatare che, per mera competizione elettorale per le prossime regionali, l’amministrazione comunale attacchi un libero Comitato di cittadini, volendolo identificare con uno soltanto dei suoi membri.



E l’obiettivo futuro sarà quello di comprendere la reale pericolosità ed i conseguenti rischi ambientali del forno crematorio che il Comune intende realizzare. Il Comitato non è contro a prescindere a questo tipo di impianti che comunque si ricorda essere a tutti gli effetti “inceneritori”, ma vuole rassicurazioni sulla sua ubicazione, sul suo reale rischio di inquinamento, sulla sua potenzialità, sulle tecnologie adottate.



Si chiede al Comune di convocare un’Assemblea pubblica per spiegare le motivazioni che spingono il Comune a realizzare un inceneritore a pochi passi dal Centro storico per discuterne in modo sereno ma anche chiaro e trasparente.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito