postheadericon Civitanova Marche ricorda l'Olocausto

Una targa in marmo per ricordare i luoghi in cui vennero segregati gli ebrei.



E' il gesto simbolico col quale l'Amministrazione comunale di Civitanova Marche ha voluto ricordare oggi, in occasione del Giorno della memoria, lo sterminio degli ebrei.



“Già Ghetto ebraico di Civitanova Alta”, questa la scritta sulla lapide posizionata sotto l'arco di vicolo della Luna, per commemorare la storia degli ebrei che alla fine del Quattrocento vennero a Civitanova, chiamati dal Comune e anni dopo rinchiusi nel ghetto dopo la bolla papale.



A introdurre le celebrazioni il presidente del consiglio Costamagna che, dopo aver ringraziato i presenti ha detto: “Il sonno della ragione genera mostri e oggi ricordiamo il più grande dei mostri della storia, lo sterminio degli ebrei”.



Terminata la prima parte delle celebrazioni, la Giornata della Memoria è proseguita nella sala consiliare della delegazione dove i professor Pierluigi Cavalieri e il brigadiere Vito Carlo Mancino hanno spiegato ai presenti la storia degli ebrei di Civitanova e l'Olocausto.
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito