No images
Seguici
fbtwyt
Home Frode IVA 7 milioni di euro su smartphone e pc: 4 milioni di euro sequestrati

VideoTolentino è in onda con i seguenti canali:

 

VideoTolentino    LCN 14  (CANALE 14)

VideoTolentino3  LCN 213 (213 NEWS & LIVE)

VideoTolentino    LCN 514 (CANALE 14HD)

VideoTolentino4  LCN 610 (610 SPORT & MUSICA)

VideoTolentino5  LCN 611 (RadioStudio7 TV)

VideoTolentino6  LCN 612 (CANALE 14)

 

Clicca sul menu VIDEO per vedere gli ultimi video caricati,

oppure vai su: http://www.youtube.com/user/VideoTolentino

 

Tel. 0733 974554 - Fax. 0733 972558 - Mail: info@videotolentino.it

 

Scarica l'app Android 

Guarda con VLC su PC:

Guarda HTTP su Android:

Guarda RTSP su Android:

 

Guarda su IPhone

postheadericon Frode IVA 7 milioni di euro su smartphone e pc: 4 milioni di euro sequestrati



Con l'operazione denominata "Black wall", i finanzieri della Compagnia di Jesi hanno scoperto una maxi evasione Iva per 7 milioni di euro sull'acquisto di 30 milioni di euro di prodotti elettronici. Otto le persone denunciate per frode fiscale e riciclaggio; sequestri preventivi per 4 milioni di euro.



Eseguite numerose perquisizioni e sequestri nelle Provincie di Ancona, Fermo, Macerata, Udine e Cosenza nei confronti di italiani e stranieri coinvolti in un'ingente frode e nel riciclaggio di proventi illeciti: 12 mesi di attività investigativa hanno fatto emergere un vorticoso giro di acquisti, preordinato a consentire a commercianti della provincia di Ancona, di evadere l'Iva su migliaia di smartphone di ultima generazione, computer, tablet e altri beni hi-tech.



La Guardia di finanza ha individuato tre società "cartiere", domiciliate fittiziamente a Roma, prive di struttura operativa, utilizzate per acquistare i prodotti da fornitori in regioni del Nord e Centro Italia e rivenderli prevalentemente tramite siti web nella disponibilità dei principali indagati, piattaforme web di vendite online con il sistema del 'drop-shipping' ovvero un modello di cessione di beni nel quale il venditore cede un prodotto a un utente finale, senza averlo in magazzino.



Le indagini, coordinate dalla Procura di Ancona, hanno ricostruito anche ingenti flussi finanziari da e verso Austria e Ungheria. Parte dei proventi di evasione sarebbero stati reinvestiti nell'acquisto di beni immobili nelle provincie di Udine ed Ancona mediante una società estera riconducibile ai citati dominus del sistema illecito ed un'immobiliare italiana amministrata da un prestanome ungherese.


E' scattato il sequestro preventivo di beni immobili e mobili per 4 milioni di euro ai fini della confisca 'per equivalente'. 'Bloccati' un esercizio commerciale a Jesi, un natante da 8 mt del valore di circa 150mila, ancorato nel porto di Ancona, autovetture, immobili e saldi dei conti correnti bancari.
 
InTV

LIVE STREAMING
Ora in onda
Programmazione

Scarica l'apk

 

intv

RE-LIVE
Rivedi tutto

Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito