postheadericon Positivi i dati per il piano di sviluppo rurale della Marche

Nonostante un contesto socio-economico non favorevole, una perdurante contrazione degli investimenti privati, le politiche di spending rewiew e i vincoli del Patto di stabilità che hanno indebolito la capacità di spesa pubblica,  i dati relativi all'avanzamento dei fondi europei nella Regione Marche ed in particolare del Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Rurale 2007/2013 hanno fatto segnare un aumento positivo anche per il 2012: è quanto emerso nel corso del Comitato di Sorveglianza svoltosi a Senigallia.



A fine 2012 il Programma Operativo Rurale Marche ha emesso ben 42 bandi e finanziato circa 1.400 interventi, di cui la maggior parte (59%) destinati all'innovazione e all'economia della conoscenza.



I primi effetti del programma si dispiegano sui settori della ricerca e delle energie rinnovabili, che rappresentano oltre il 90% del valore previsto.
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito