postheadericon Incognita Imu

Ci sono anche Ancona e Civitanova tra i tanti comuni italiani che a gennaio saranno costretti a far pagare ai cittadini una parte della seconda rata dell'Imu sulla prima casa
Ci sono anche Ancona e Civitanova tra i tanti comuni italiani che a gennaio saranno costretti a far pagare ai cittadini una parte della seconda rata dell'Imu sulla prima casa.



I trasferimenti dello Stato infatti non coprono tutta la cifra che i singoli comuni avevano previsto di incassare dalla tassa comunale. Questo avviene perché i sindaci avevano deciso di aumentare le aliquote sulla prima casa: il Comune di Ancona l'aveva ritoccata dal 5,5 al 6 per mille.



Guido Castelli, sindaco di Ascoli Piceno e responsabile della Finanza locale per l'Anci, si fa portavoce della protesta degli amministratori e sottolinea che “bisognava chiarire subito che lo Stato non avrebbe coperto gli aumenti previsti dai Comuni”.
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito