postheadericon Sanità. Un caso di brucellosi nel maceratese

Gli ispettori dell'area vasta 3 hanno individuato il caseificio che aveva prodotto il formaggio di pecora mangiato da un bambino maceratese che lo scorso febbraio era stato colpito dalla brucellosi.



Per dare maggiori garanzie di sicurezza ai consumatori, negli ultimi giorni sono stati potenziati i controlli nei caseifici dell'Av 3 e nelle rivendite di formaggio al dettaglio per verificare le etichettature e la tracciabilità  del latte usato.
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito