postheadericon A San Severino la cerimonia provinciale della Liberazione

“Non disperdiamo quel vento che soffiò il 25 aprile, non dimentichiamo”.



Questo l'appello lanciato dal sindaco di San Severino Marche, Cesare Martini, a conclusione dell'intervento di saluto pronunciato in occasione della celebrazione provinciale del 69esimo anniversario della Liberazione d'Italia e del 70esimo delle Marche.



Ad aprire il lungo corteo è stato il medagliere dell'Anpi provinciale, seguito dalle insegne della sezione Anpi settempedana intitolata al capitano Salvatore Valerio.



Subito dopo la cerimonia dell'alzabandiera è stata deposta una corona di alloro al monumento ai Caduti di tutte le guerre di viale Mazzini.



La cerimonia a teatro è invece iniziata con la lettura del messaggio indirizzato al sindaco dalla presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, e da quelli dell'onorevole Emanuele Lodolini, e del professor Elio Di Segni, cittadino onorario di San Severino Marche, ebreo che trovò rifugio insieme alla sua famiglia, durante il periodo della Resistenza, nella località di Serripola.
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito