postheadericon Munizioni punk. Due assolti

Accusati di porto illegale in luogo pubblico di munizioni di armi da guerra si sono difesi dicendo che erano accessori di abbigliamento da indossare


Un uomo di 32 anni e una donna di 35 erano finiti sul banco degli imputati con l'accusa di porto illegale in luogo pubblico di munizioni di armi da guerra.



Il 22 novembre del 2007 la polizia gli aveva trovato in macchina a Macerata un nastro da mitragliatrice munito di 53 bossoli Nato, sprovvisti di ogiva e di carica esplosiva.



I due, nel corso del processo avevano spiegato che quel nastro da mitragliatrice in realtà era un accessorio di abbigliamento punk.



Ieri mattina in tribunale a Macerata sono stati entrambi assolti dall'accusa perché il fatto non sussiste.
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito