postheadericon Manifestazione sindacale a Roma, 5.000 i lavoratori marchigiani presenti

Una presenza per dire no alla crisi e per sostenere lavoro e occupazione
In 5000 per dire no alla crisi. Tanti saranno infatti i lavoratori marchigiani che, con oltre 100 pullman, domani saranno a Roma per partecipare alla manifestazione nazionale indetta da Cgil, Cisl e Uil a sostegno del lavoro. Lo hanno annunciato i segretari regionali di Cgil Ghiselli, della Cisl Mastrovincenzo e della Uil Fioretti. Le Marche, per il suo livello di industrializzazione, sono una delle regioni più colpite dalla crisi. Ne è un esempio la vicenda Indesit, che sta mettendo in difficoltà uno dei distretti produttivi più importanti, quello di Fabriano.



Tra le priorità che i sindacati indicano al governo c'è la necessità di rifinanziare la cassa integrazione in deroga, la riduzione delle tasse a lavoratori dipendenti e pensionati e alle imprese che fanno assunzioni stabili, lo stop all'aumento dell'iva e la riforma dell'Imu.

La crisi ha colpito le Marche con 47.735 lavoratori che da gennaio a maggio 2013 hanno chiesto l'indennita' di mobilita' o di disoccupazione, passando da 2680 a 4534 (+69,2%), rispetto allo stesso periodo del 2012.

Altrettanto preoccupanti sono i dati relativi alla cassa integrazione: l'aumento è del 37,8% se paragonato al 2012.

In 3 mesi la disoccupazione ha toccato quota 11,4%.

Calano anche la produzione e il fatturato nel primo trimestre del 2013: in questo arco di tempo sono 4827 le aziende che hanno chiuso i battenti. Da gennaio a maggio, le procedure fallimentari aperte hanno riguardato 165 aziende nelle Marche
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Accetto i cookies da questo sito